Un confronto importante tra il mondo dello sport e quello della salute si è realizzato grazie alla collaborazione tra l’Argos Volley di Sora in Superlega e il Sant’Elia Volley in Serie B1 con il poliambulatorio specialistico SalusPro. Entrambe le realtà sportive, hanno manifestato grande interesse e curiosità verso l’approccio olistico della salute nello sport proposto dal poliambulatorio attraverso il “Progetto Olos”.

La collaborazione è stata costante durante tutta la durata del campionato e ha condotto a risultati eccezionali attraverso il monitoraggio di miglioramenti crescenti.

Risultati Assitec 2000 - Campionato 2018/2019

VARIABILITA’ DELLA FREQUENZA CARDIACA

Il monitoraggio costante della Heart Rate Variability nelle atlete dell’Assitec 2000 che hanno partecipato al progetto Olos per tutta la durata del Campionato in B1, ha dimostrato un netto e veloce miglioramento della loro condizione psicofisica rispetto alla situazione di partenza. Sappiamo, infatti, che alti valori di HRV indicano in generale un buon livello di salute e benessere nelle persone e, in particolare negli sportivi, una maggiore capacità di recupero dallo sforzo fisico e di adattamento alle condizioni di stress correlate agli allenamenti intensi e alle competizioni.

Cambiare ambiente, un allenamento troppo intenso, una struttura muscolare non pronta, pressioni psicologiche e aspettative legate alle competizioni, sono solo alcuni dei fattori che minano lo stato di salute di un atleta influenzandone negativamente il benessere e le performance sportive; ecco perchè, assicurarsi di mantenere il valore della variabilità della frequenza cardiaca stabilmente alto (almeno superiore a 70) è fondamentale per mantenere alti anche i livelli di prestazione.

 

 Il valore medio di partenza di HRV misurato nelle 5 atlete durante il periodo di preparazione atletica precedente l’inizio del trattamento è pari a 73,78 mentre quello misurato alla fine del campionato è pari a 130,34 con rilevamenti intermedi a cadenza settimanale in crescita costante.

Tali valori indicano una crescita generale dell’HRV nelle atlete, successivamente al trattamento, pari a circa il 77%

 

PROBLEMATICHE OSTEO-MUSCOLO-ARTICOLARI

Il trattamento delle infiammazioni muscolari e del dolore con la terapia Enerpulse, ha portato mediamente ad una risoluzione del sintomo del 95% registrando un limite del miglioramento solo nelle problematiche con origini molto vecchie che hanno avuto il tempo di strutturarsi e cronicizzare. Ciò nonostante, anche in quei casi si è potuto ridurre notevolmente il fastidio.

 

INSONNIA E PROBLEMATICHE STRESS-CORRELATE

Il miglioramento della qualità e della durata del sonno ha rappresentato uno dei primi e principali effetti positivi del trattamento con Biorisonanza, restituendo un riposo maggiormente ristoratore e un recupero più veloce.

Infine, il riequilibrio del Sistema Nervoso Autonomo ha completamente eliminato gli episodi di attacchi di panico e di ansia generalizzata permettendo alle atlete di avere maggior controllo sulla propria emotività e migliore gestione delle situazioni stressanti esprimendo il massimo delle potenzialità soprattutto in campo, durante le competizioni.

 

 

 

 

ETA’/SESS0

PROBLEMATICA PRESENTATA

IN INGRESSO

INTENSITA’ PERCEPITA

(scala 1 – 5)

EVOLUZIONE DEL SINTOMO POST TRATTAMENTO

TEMPI DI MIGLIORAMENTO STABILIZZATO

ATLETA 1

32/F

Contratture dolorose ai quadricipiti

5

0

N° 3 sedute trattamento

Dolore alla spalla sx

4

0

N° 5 sedute trattamento

Dolore al ginocchio sx (precedentemente operato): a riposo e

Post allenamento

 

1

1

Nessun miglioramento dopo 20 sedute

3

1

N° 5 sedute di trattamento

Stanchezza cronica, scarsa capacità di recupero

5

1

N° 10 sedute di trattamento

Baseline HRV ingresso

 

69,7

107

N° 20 sedute di trattamento

ATLETA 2

33/F

Dolore all’anca da 4 settimane

5

2

N° 5 sedute di trattamento

Contratture dolorose ai quadricipiti

5

0

N° 3 sedute di trattamento

Contratture dolorose ai polpacci

5

1

N° 5 sedute di trattamento

Tendinite piede dx da 6 settimane

4

1

N° 3 sedute di trattamento

Trattamento dello stato doloroso con FANS

5

0

N° 3 sedute di trattamento

Attacchi di panico, episodi di ansia generalizzata controllati in campo

4

1

N° 20 sedute di trattamento

Insonnia intermedia: Media di ore di sonno continuativo per notte:

3

6

N° 5 sedute di trattamento

Baseline HRV ingresso:

53,7

123,3

N° 20 sedute di trattamento

ATLETA 3

30/F

Tendinite al ginocchio dx

5

2

N°8 sedute di trattamento

Fastidi al ginocchio sx

2

0

N° 3 sedute di trattamento

Dolore zona sacrale

5

1

N° 3 sedute di trattamento

Baseline HRV ingresso:

98,9

152,6

N° 20 sedute di trattamento

ATLETA 4

23/F

Vecchia frattura al metatarso responsabile di fastidi costanti

3

1

N° 10 sedute di trattamento

Dolore alla spalla dx da 10 giorni

5

1

N° 5 sedute di trattamento

Infortunio al pollice

4

1

N° 10 sedute di trattamento

Dolore al tratto lombare della schiena al risveglio e nell’atto di alzarsi da posizione seduta

4

0

N° 3 sedute di trattamento

 Scarso controllo emotivo, ansia

(ipersensibilità, carico eccessivo, senso di inadeguatezza)

5

1

N°10 sedute di trattamento

Baseline HRV ingresso:

84,7

157,8

N°20 sedute di trattamento

ATLETA 5

21/F

Attacchi di panico, episodi frequenti di ansia generalizzata, fobie (non controllati in campo)

5

0

N° 10 sedute di trattamento

Scarso controllo emotivo

5

1

N° 10 sedute di trattamento

Insonnia iniziale e intermedia (media di ore di sonno continuativo):

4

7

N°5 sedute di trattamento

Baseline HRV ingresso:

61,6

111

N°20 sedute di trattamento

 

Risultati Agos Volley campionato 2018/2019

Rif. Staff Medico: Luigi Duro

Gli atleti Karol Rawiak e Willian Aleandro Bermudez presentano ad inizio trattamento rispettivamente una forte e ormai strutturata algia alla spalla sx (che si è irradiata nel giro di due mesi lungo il braccio sx) e una tendinite al ginocchio sx.

Partendo con l’analisi di Rawiak, i test effettuati rappresentano test isometrici della spalla ed esprimono la forza dei muscoli intra-rotatori ed extra-rotatori con spalla posizionata in un’angolazione di 90° e 0°.

Sono stati effettuati prima di inserire l’atleta nel programma di training olistico e per tutta la durata del percorso per valutarne i miglioramenti conseguiti.

Dallo squilibrio dei dati rilevati nella prima misurazione ante trattamento, risulta evidente la presenza di un forte stato di infiammazione della spalla con conseguente sensazione di dolore e impedimento nei movimenti eseguiti dall’atleta.

Nelle misurazioni successive a poche sedute di trattamento, si può notare un progressivo e crescente aumento e avvicinamento dei valori relativi alla forza intra ed extra muscolare e una conseguente risoluzione del problema in tempi brevissimi.

Conclusione: Lo staff medico conferma che il solo lavoro fisioterapico abbinato al massaggio decontratturante e alla terapia farmacologica antinfiammatoria, non avrebbe permesso la risoluzione del sintomo in tempi così brevi. L’atleta testimonia che già dopo la prima seduta di trattamento combinato di Terapia Enerpulse e Biorisonanza il dolore si è dimezzato permettendogli di ritornare in campo per gli allenamenti il giorno seguente (dopo due mesi di fermo).

Inoltre, il riequilibrio del Sistema Nervoso Autonomo ha comportato un miglioramento della qualità del sonno, della gestione dello stress e delle pressioni legate non solo alle competizioni in campo ma anche alla vita quotidiana.

 

I test eseguiti su Bermudez ci hanno permesso di indagare la variazione della capacità di salto (in centimetri) durante gli allenamenti.

E’ chiaro che, nel caso dell’atleta in questione, una scarsa capacità di elevazione è indice della presenza di dolore e infiammazione al ginocchio.

Le misurazioni sono state effettuate nei giorni stessi o comunque vicini al trattamento con Terapia Enerpulse e Biorisonanza.

I dati emersi indicano una rapida crescita della media calcolata nella prima misurazione pretrattamento (condizione di partenza) rispetto a quella ottenuta nell’ultima misurazione relativa alla fine del percorso)

Conclusione: Dopo poche sedute il dolore si è progressivamente ridotto conseguentemente alla risoluzione dell’infiammazione tendinea che, fino a quel momento, ha rappresentato un forte impedimento nella performance atletica.

L’atleta riferisce anche un miglioramento del tono dell’umore e della resistenza in campo.

Saluspro Centro Medico Polispecialistico

Contattaci